Per una psicopatologia da classifica – I 25 dischi che non ho capito

Premessa:
La storia della musica rock non è solo la storia dei produttori della musica (come qualche rinomato critico hipster vorrebbe farci credere), ma è anche spesso e volentieri la storia delle deviazioni dall’alveo del rock commercia(bi)le. Quindi si è reso necessario fare la lista dei dischi meno comprensibili, almeno al mio orecchio. Mutazioni, deviazioni, estremismi musicali. Non sono album che non apprezzo, ma solo: non comprendo. Album epocali misti a demotape sconosciute, indispensabili, meno indispensabili, ascolti a volte godibili, che sicuramente sono degni di nota, ma a me non chiari per finalità o intento comunicativo. Sono attrezzi del mestiere del fare musica o opere d’arte magna, musica alta, pop o meno, e ne ho fatto un unico pastone senza numeri né classifiche accomunate da un solo denominatore: li ho sentiti e non li capisco. Non del tutto. Non ancora. Una cosa mi è chiara, sono gli album più strani che io abbia mai ascoltato.
Sia ben chiaro: c’è tanta roba che è strana, molto strana. Facendo un esempio alla mano: alcuni dischi di Frank Zappa. Questo non vuole essere un compendio di musica psichedelica, d’avanguardia o progressive. Non me ne frega niente di fare la storia dell’avantgarde, del RIO, del free form o della Zehul. È solo la lista della roba più strana che abbia mai sentito.

Khlyst – Chaos is my name
Captain Beefheart – Trout mark replica (con buona pace di Scaruffi)
Moevot – Ézleyfbdrèb Vèpréu Zuèrkl Mazagvatre Èrbsèdréa I
Negativland – Escape from Noise
Pop Group – Y
The Residents – Not Available
Akira Rabelais – Spellewauerynsherde
Current 93 – Dogs Blood Rising
Merzbow – Aqua Necromancer
Tim Buckley – Starsailor
Throbbing Gristle – The 2nd Annual Report
Ruins – Symphonica (in generale non sono di facile ascolto)
KoenjiHyakkei – Angherr Shisspa
The Red Crayola With the Familiar Ugly – The Parable of Arable Land
Bardo Pond – Bufo Alvarius
Black Dice – Beaches and canyons
†‡† – Ghetto Ass Witch
Keith Fullerton Withman – Disingenuity / Disingenuousness
Keiji Haino – tutti i suoi solo/performance
Sax Ruins – Yawiquo
Pyramids – Pyramids
Yellow Swans – Psychic Secession
Phantomsmasher – Phantomsmasher
Asa Chang & Junray – Jun Ray Song Chang
Henry Cow – In Praise of Learning

Enrico Strano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...