Cèsar Brie al Forte Teatro Festival 2015: 120 chili di jazz

Sabato 25 luglio alle 21, al Parco ecologico San Jachiddu di Messina, arriva il quinto appuntamento del Forte Teatro Festival a cura dell’associazione culturale Il Castello di Sancio Panza. Ospite d’eccezione il regista, drammaturgo e attore argentino Cèsar Brie, pietra miliare del teatro contemporaneo internazionale, in scena con lo spettacolo 120 chili di jazz. L’incontro, dopo il successo di pubblico riscosso nei precedenti eventi, si configura come uno degli appuntamenti più straordinari della stagione teatrale estiva messinese.

Il momento più alto del Festival giunge con l’avventurosa storia di un uomo, Ciccio Mèndez, disposto a tutto per amore.
Come afferma lo stesso Cèsar Brie, “Ciccio Méndez non è mai esistito. Nasce dalla cattiva abitudine di due amici robusti che ho perso di vista i quali, seduti ai miei fianchi in una classe del Colegio Nacional Sarmiento a Buenos Aires, mi facevano fare la parte del prosciutto nel panino, schiacciandomi in mezzo a loro”.

Cèsar Brie nasce a Buenos Aires, in Argentina, nel 1954, ma la sua vicenda personale lo porta in giro per il mondo attraverso universi differenti e paralleli tra loro: dai centri sociali di Milano, dove arriva da esiliato a metà degli anni Settanta, mentre il suo Paese è in mano alla dittatura militare, alla Danimarca, dove si trasferisce per lavorare con l’Odin Teatret di Eugenio Barba, passando per la Bolivia, dove fonda il Teatro De Los Andes.
Ideatore del collettivo Tupac Amaru, conosce e lavora con Danio Manfredini e si immerge corpo e anima nella stagione del teatro politico.
Il suo teatro incarna la metafora, passionale e drammatica, dell’uomo sudamericano e di quel continente che deve fare i conti con delle tragiche prospettive politiche; un teatro che contiene le moltitudini di uomini indomiti, i tumulti di Buenos Aires, le malinconiche distese della Patagonia, ma anche i colori e gli umori della Bolivia e del suo popolo, fino a giungere agli ardori personali di un uomo audace, amante delle donne e della bellezza tutta. 120 chili di jazz, Nella tana del lupo, Il mare in tasca, Solo gli ingenui muoiono d’amore sono solo alcune delle opere che custodiscono la primordiale bellezza dell’arte drammaturgica di Cèsar Brie: potenza immaginativa e movimento prendono forma attraverso personaggi apolidi, svincolati da confini geografici e mentali, materia libera, che non appartiene a nessuno, proprio come i grandi sentimenti umani. Dolore, gioia, amore, desiderio.
http://www.forteteatrofestival.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...