Lilia – Clepsydra I

a2832902354_10

(Trixity Productions)

Lilia, dopo lo sdoppiamento di 44, si misura con un nuovo e affascinante capitolo della sua favola elettro-pop con Clepsydra I, il suo terzo album.
Ora che una Nuova Terra è stata avvistata e che la Nasa ci annuncia che essa è il nostro pianeta gemello ci sembra più facile pensare a nuove forme di vita oltre la nostra se non addirittura di nuove civiltà. L’esplorazione dello spazio porta alla considerazione di non sentirci più soli e unici e Lilia sembra affrontare con disinvoltura questa fonte d’ispirazione che certamente non deluderà i lettori appassionati di Tolkien. Clepsydra è il primo dei nove brani che si sviluppano come la colonna sonora di un film immaginario e che vede approdare un essere umano sul pianeta Clepsydra dove per il rovesciamento di prospettiva è lui l’alieno. Un po’ Grimes un po’ Bjork, Lilia si trova a suo agio in una foresta fatta di synth loop e ableton dove riesce a farci fluttuare senza peso. Il disco è pervaso interamente da atmosfere fantasy e l’inglese si accosta al linguaggio sconosciuto dei clepsydriani (Niark, Anthem). L’incisiva The Game affronta il tema dei demoni che invadono Clepsydra e inducono gli abitanti in uno stato di morte apparente e che solo il giglio di Iridescent Lillium potrà salvare e ridare loro speranza. Il concetto di estraneità così come di “specie” viene percepito passando da una pulsazione ad un’altra quasi a rendere inevitabile l’incontro/scontro con altri esseri; in tutto il disco si avverte un costante senso di sospensione e di attesa che accompagna l’ascoltatore verso l’epilogo. Per due brani, tra i più sperimentali ed interessanti, si avvale della collaborazione di Empress Luna (Empress Mooonchild) e di Dott. Greenythumb (Moyen Âge).
La sensazione è che stavolta Lilia abbia varcato un territorio rassicurante (i confini della nostra conoscenza) per affrontare nuove sfide (Magnetic Storms), la più grande è forse il lasciarsi andare, abbracciare gli eventi senza paura. Dimenticate la gravità, il concetto di tempo e di spazio, dimenticate i confini: Clepsydra I è un disco multisensoriale in cui si “passa attraverso” la musica come in uno specchio liquido e che capovolgerà il vostro sguardo sul viaggio interstellare.

Il suggestivo video The Game, diretto da Marco Antonecchia è il primo singolo estratto da Clepsydra.

Alice Ferrara

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...