Cesare Basile – U Fujutu su nesci chi fa?

copertina_fuiutu-01-02

Una sostanziosa carriera internazionale fatta di produzioni e collaborazioni importanti ha spinto Cesare Basile a identificarsi come uno dei cantautori e scrittori siciliani più influenti sul panorama musicale contemporaneo. Nel 2015 Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più fu premiato con la Targa Tenco come miglior album dialettale. Il cantautore catanese senza smentire carattere e brillantezza torna con U Fujutu su nesci chi fa? per la Urtovox Records in uscita il 24 febbraio. Un album che dispiega nella cartomanzia dell’uomo la follia che gli appartiene.

Basile ha come interpretato, instradandoli nel suo percorso, racconti di santoni, di vecchi saggi dalle voci acciaccate, dal suono sdentato. Ha sviscerato un’epica sicula, succulenta, gioiosamente tragica, voluttuosamente tradizionalista. Ha fatto emergere la fatica dal suo pozzo magico, come il vulcano che sputa fuori nere polveri e lava, come il pescatore che issa le sue reti piene di vite morenti. Ha spinto le meccaniche di un carosello che fa girare esistenze tormentate. L’opera riverbera un ancestrale fascino atemporale come fosse sempre esistita, aspettando come un pezzo di marmo, immobile, lo scultore che la liberasse.

Gli arrangiamenti sono viaggi di suoni dove l’esoterismo e l’eclettismo della tradizione sicula si spingono verso la narrazione strategica, fatta di draghi, fiamme, sortilegi. Quelle metafore che ben spiegano l’avidità della vita, dell’uomo e dell’inferno fuori e dentro la propria pelle. È il gioco dell’oca, di una ruota infuocata, di tutto quello che torna e che cambia. Da contesti oscuri e prigionieri, le sonorità polverosamente folkoristiche condiscono i brani di arpeggi, di concitate percussioni, di cori femminili fatti di arcaiche polifonie. L’album si affievolisce infine nell’intimismo e disperde gli armamenti strumentali senza perdere mai intensità.

Assorbite quest’opera come un lungo respiro: da trarre a sé come una donna, trattenere come un bambino, far fuggire come un galeotto.

Emanuela Platania

Tracklist

01.Scongiuro
02.Lijatura
03.Tri nuvuli ju visti cumpariri
04.Cincu pammi
05.Cola si fici focu
06.Storia di Firrignu
07.U scantu
08.U Fujutu su nesci chi fa
09.Fimmina trista fimmina nata
10.Cirasa di Jinnaru

seguitelo in tour

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...