Saint Huck: il video di “Reef” diretto da Guido Celli e le ultime date di “Broken Branches” in Sicilia

E’ online da qualche settimana il videoclip di “Reef” di Saint Huck, realizzato da Guido Celli, già autore di “Hidden Words”.

Saint Huck è il moniker del cantautore e polistrumentista siciliano Livio Lombardo. Nato come chitarrista noise/alternative (ha suonato e suona con numerose band: Fräulein Alice, Gentless3, Mapuche, Before We Die, Diane and the Shell, Silent Carnival), nel 2015 pubblica il suo primo lavoro, “Broken Branches”, per l’etichetta Viceversa Records. L’album viene accolto entusiasticamente dalla critica, che ne mette in evidenza il carattere outborders e ispirato, definendo Saint Huck come un artista anarchico e appassionato, che sfugge a qualsiasi facile inquadramento per la raffinatezza della composizione. Guido Celli, videomaker di talento, poeta, musicista e produttore artistico (di Flavio Giurato, ndr) qualche tempo fa ha deciso di rendergli omaggio con una trilogia video che ne anticipa il nuovo album, previsto per il 2019.

“Broken Branches / Our Love Disaster” è il titolo di questa trilogia onirico-sensuale,  la cui protagonista incontrastata è Amore: “Dico la protagonista e non il protagonista, non a caso – ha tenuto a precisare il regista – perché Amore quando è desiderio è sempre notturno, anche di giorno, e per me la notte è femmina, sempre”.
Come “Hidden Words”, “Reef “è stato girato con un con un telefono cellulare Huawei P8 Lite, tendenza, questa, poco diffusa in Italia, ma molto diffusa oltreoceano (basti pensare ad “Unsane” di Steven Soderbergh, girato con un I-Phone 7). Grazie al dialogo tra diversi dispositivi low-fi di riproduzione dell’immagine e e al contrasto tra lo svelamento e il nascondimento, il vedere e l’essere visto, la rappresentazione e l’immaginazione e attraverso la tecnica della ripresa in soggettiva, lo spettatore è reso testimone di un amore e della sua catastrofe. In “Reef”, infatti, Amore è impossibile poiché è in assenza: è una vaga stella del sogno, una lama a cui voler prestare il cuore, una voragine per cui farsi caduta.

“Reef”, di cui vi riproponiamo la clip,  racconta lo sprofondo che ci attende quando Amore ci sfugge, quando Amore ci porta sul ciglio della scogliera, ci poggia la mano su una spalla e poi ci spinge giù.

Saint Huck è attualmente in tour in Sicilia per le ultime date di “Broken Branches”.
Il 6 dicembre potrete ascoltarlo dal vivo in apertura agli …A Toys Orchestra da ZŌ – Centro culture Contemporanee a Catania, l’8 dicembre al Démodé di Vittoria e il 14 dicembre al Garibaldi Books & Records di Palermo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...