Marte chiama Major Tom! Can you hear us?

david-bowie
David Bowie
, Ziggy Stardust l’alieno, il Duca Bianco, l’uomo caduto sulla terra. Colui che più di chiunque altro ha saputo sorprendere tutti per non aver mai seguito la via più prevedibile ed aver percorso un’intera esistenza sulla soglia di scelte radicali e consapevoli. L’ultima sorpresa è arrivata proprio ieri, lunedì 11 gennaio 2016, con l’annuncio fulminante dell’improvvisa morte, all’alba della consegna di Blackstar, opera ultima e definitiva in tutti i sensi, lanciata appena 3 giorni prima, l’8 gennaio, giorno del suo 69° compleanno. Continua a leggere

Annunci

“Janis” di Amy Berg: il ritratto fedele di una donna solitaria e affamata d’amore alla Biennale di Venezia

American singer Janis Joplin (1943-1970) poses at her home in front of a Bob Seidemann poster in Haight-Ashbury, San Francisco, November 1967.

Oggi il Rock si racconta da vicino grazie ai documentari. Lo fa attraverso la scrittura e i disegni che prendono vita nella storia tormentata di Kurt Cobain in Montage of Heck diretto da Brett Morgen: la distanza dalla figura della rockstar sembra annullarsi grazie a fotografie, quaderni, ricordi familiari, Kurt lo sentiamo rivivere su uno schermo sul quale vediamo nascere ed esplodere tutta la rabbia di Nevermind. Il regista in questo caso sente il bisogno di spiegare ciò che i media non hanno lasciato passare o hanno distorto. Continua a leggere

Alessio Bondì – Sfardo

A.Bondì_Sfardo_Cover

(Malintenti Dischi)

Alessio Bondì, volto nuovo della scena palermitana è il cantautore che mancava, in una veste folk, vicina ad un teatro popolare giocoso che si fa strada e si fa sentire dai vicoli bruciati dal sole, tesa a riabbracciare la musicalità siciliana: storie semplici che celano in realtà tuffi fantastici e inaspettati.

Sfardo è stato realizzato da Malintenti Dischi e 800a Records con la collaborazione di Ferdinando Piccoli (Waines) Salvo Compagno (Akkura, Mario Incudine) e Serena Ganci (Iotatola). Continua a leggere

La musica di Palermo è tischi toschi!

Di musica indipendente oggi se ne fa un gran parlare, ma lasciando da parte per un momento i dischi, le mode, il palco e le sue luci, tocca chiedersi a che punto sia Palermo, cosa si raccoglie, cosa si butta via e come si possa migliorare questo settore a partire dalla comunicazione. Da buoni palermitani col pallino della musica indipendente ci si è dati appuntamento il 10 aprile in una sede unica che unisce storia e innovazione: l’ex Banco dei Pegni ora Palazzo Branciforte. La scena ha molto da dire e lo fa attraverso la voce delle etichette, dei festival e degli artisti stessi che si affacciano e si espongono a voce alta. Da palermitana fuoriuscita è un bel sentire tutto quell’entusiasmo che ha reso possibile prima di quest’incontro la rinascita di questa città in termini musicali. Continua a leggere

Umberto Maria Giardini – Protestantesima

Umberto-Maria-Giardini_Protestantesima-600

(Tempesta Dischi)

Umberto Maria Giardini è un nome che non ha certo bisogno di presentazioni, libero ormai dagli pseudonimi esce con Protestantesima, un album di grande suggestione. Dopo i recenti La dieta dell’imperatrice e Ognuno di noi è un po’ Anticristo, il cantautore ci svela qui traccia dopo traccia un’anima meno conflittuale con se stessa e più aperta al mondo.
Il percorso artistico che aveva già iniziato come Moltheni subisce un’evoluzione nei testi enigmatici che seguono il filo delle emozioni ancor prima che diventino solido pensiero, flussi musicali che bisogna abbracciare lasciando da parte etichette e classificazioni. Continua a leggere