The Danish Girl – Tom Hooper (2016)

the-danish-girl-poster-wide
La scomparsa di Einar Wegener

The Danish Girl è un film di Tom Hooper tratto dal romanzo omonimo di David Ebershoff.

Narra dell’evasione di Lili Elbe, giovane donna danese, dall’identità di Einar Wegener, paesaggista danese sposato con la pittrice e illustratrice erotica Gerda Wegener.

Delicato e tragico, il film ci conduce gradatamente lungo il cammino personale che Lili Elbe ha percorso per trovare se stessa e per comprendere la natura del suo essere. In tutto l’arco della narrazione assistiamo a un rapporto direttamente proporzionale tra consapevolezza e forza d’animo: minore è la consapevolezza, minore è la forza di Lili. Continua a leggere

Annunci

Spotlight – Thomas McCarthy (2015)

070bfdea-e72a-40b6-b994-d51cec3a09a5_large_p.jpg
Due notti fa Spotlight di Tom McCarthy si è aggiudicato gli Oscar come miglior film e quello come migliore sceneggiatura originale (nonché quattro nomine: Mark Ruffalo e Rachel McAdams come attore e attrice non protagonisti, miglior regia e miglior montaggio (Tom McArdie); più tre candidature ai Golden Globes). Continua a leggere

The Hateful Eight – Quentin Tarantino (2015)

12499290_10209321766708191_1782414524_o
LA MORTE DI UNA NAZIONE

È un po’ paradossale che più Quentin Tarantino tenti di alzare il tiro più la critica reagisca in direzione contraria demolendo le sue opere per una questione di stile. Dopo il successo planetario di Le Iene e Pulp Fiction, la sorpresa Jackie Brown raggelò un po’ gli animi: ma come, Tarantino si mette a fare un film teorico? Senza sangue o smembramenti di carne, senza i balli scatenati di John Travolta e Uma Thurman? Continua a leggere

The Revenant – Alejandro Gonzàlez Iñàrritu (2015)

REVENANT_0
The Revenant: la Trilogia della Morte e il ritorno alla Vita

I film di Alejandro Gonzàlez Iñàrritu regalano spesso la sensazione, scivolosa, prossima al camminare con scarpe eleganti sul pavimento di un mattatoio: mosche, sangue rappreso, putrefazione della carne vengono attraversati da momenti di alto lirismo ed eleganza formale. In questa terra di confine si colloca Revenant, l’ultimo lavoro del regista messicano, reduce da 12 candidature ai Premi Oscar 2016 e pluripremiato ai Golden Globe come miglior regia, miglior film drammatico e miglior attore in un film drammatico. Continua a leggere

Il ponte delle spie – Steven Spielberg (2015)

12507030_10209054048335399_749107861_n
L’ultimo film di Spielberg pone un immediato confronto con American sniper di Eastwood, a proposito di americanismo e di leadership come “moral guidance”. Che Il ponte delle spie sia un film che prosegue felicemente il percorso tracciato dal cinema classico americano non credo sia oggetto di discussione. Così come il fatto che pur basandosi su eventi reali (ribaditi all’inizio e alla fine del film), la mano Spielberghiana trasforma il materiale documentaristico in favola dalla forte connotazione morale. Continua a leggere

Irrational Man – Woody Allen (2015)

12510926_10209030389943954_677550266_o


L’uomo ragionevole adatta se stesso al mondo, quello irragionevole insiste nel cercare di adattare il mondo a se stesso. Così il progresso dipende dagli uomini irragionevoli.

George Bernard Shaw

Tutto il cinema di Woody Allen ha sempre poggiato su una insanabile dualità tra il protagonista-alter ego e il mondo circostante inconoscibile, dominato dal caso, apparentemente senza significato. Questo contrasto era risolto nei primi film con il ricorso al comico: l’inadeguatezza dell’anti-eroe yiddish dava origine a una serie di gag, di battute, di strafalcioni, di non-sense, di imbarazzanti approcci con le donne, di conflitti con i propri familiari e con qualsiasi sistema di potere. Continua a leggere

Belluscone. Una storia siciliana – Franco Maresco (2014)

bellu2-799x500
Concludeva il VII Sciacca Film Fest la proiezione di “Belluscone. Una storia siciliana” di Franco Maresco, fresco di premio (sezione Orizzonti) al Festival del Cinema di Venezia. Cornice all’opera incompiuta è la ricerca del critico cinematografico Tatti Sanguineti che, persa la sua peculiare impronta rapsodica, vaga per i vicoli di Palermo sconsolato, con passo noir, indagando sulle ragioni dell’interruzione delle riprese e sul misterioso ritiro del regista Maresco. Continua a leggere