Phoebe Zeitgeist, cronaca di un viaggio siderale. Quando il teatro mitteleuropeo si schianta alla fine della Sicilia

bassa4

A pochi giorni dal debutto con “Baal” di Bertolt Brecht al Teatro Franco Parenti di Milano, incontriamo il regista teatrale e fondatore della compagnia Phoebe Zeitgeist,  Giuseppe Isgrò, classe 1980 e un debutto alla regia nel 2008 al Teatro dell’Elfo con lo spettacolo “Line, il tempo” di Agota Kristof. Continua a leggere

Annunci

Svetlana Zakharova: la spietata impertubabilità di una étoile

Svetlana-Zakharova1 (1)

In un caldo pomeriggio di agosto incontriamo l’etoile ucraina Svetlana Zakharova: l’occasione è la conferenza stampa di presentazione dello spettacolo Soirée Svetlana Zakharova, che andrà in scena giovedì 6 agosto all’Arena Vittorio Emanuele di Portorosa. Continua a leggere

Intervista alle BESTIERARE: teniamoci la qualità della vita, le cose alte che non creano profitto

Tre anime che s’impegnano attivamente e quotidianamente a salvaguardare le proprie passioni. Tre dischi all’attivo, tante collaborazioni e un percorso artistico di tutto rispetto iniziato a fine anni ’90 e che ne afferma sempre più le doti.

In occasione del live catanese di sabato 11 luglio abbiamo avuto il piacere di fare una soddisfacente chiacchierata con le Bestierare. Continua a leggere

Intervista a Dimartino: il Messico, Palermo e la paesologia

Tre dischi in appena cinque anni e un consenso che si accresce rapidamente di giorno in giorno intorno al progetto Dimartino ovvero Antonio Di Martino, Angelo Trabace e Giusto Correnti. Non è semplice cantautorato, non solo pop e nemmeno puro indie, è un amalgama ben riuscito di tutto questo e di molto altro ancora. Ma la vera arma letale è una capacità di scrittura che conosce pochi eguali, capace di emozionare e commuovere come pochissimi altri sanno fare. Una carriera che è tutta in divenire dunque e che regalerà ai nostri ancora molte soddisfazioni.

Li abbiamo incontrati a Catania per farci raccontare le gesta della loro ultima fatica spaziando poi verso altri temi non meno interessanti, ritrovandoci di fronte a una band solida, in pieno vigore creativo e con tante cose da dire tutt’altro che banali. Continua a leggere

Intervista ai Lead to Gold: tra new wave, minimalismo ed estetica warholiana

Arrivano dal siracusano (Augusta), sono in tre, Giulia Sera e i fratelli Sebastiano e Sergio Longo. Si sono affacciati da poco più di un anno sulla scena, ma hanno già le idee piuttosto chiare. Sono i Lead to Gold, vincitori del contest Nuove Zanne 2014 che li ha portati direttamente sul palco della rassegna più importante della Sicilia orientale, aprendo per i Calexico. L’Eretico li segue con interesse fin dagli esordi ed ora è il momento di svelarvi qualcosa in più su una delle band più interessanti della nuovissima scena indipendente rigorosamente made in Sicily. Continua a leggere

Intervista a Edda: l’asceta e il bieco materialista

DSC_4241

Stefano Edda Rampoldi è un pianeta. Misterioso, alieno, attraente, governato da leggi imperscrutabili. Persona e personalità di straordinaria umanità, umiltà e sensibilità, senza fronzoli, orpelli, atteggiamenti di sorta. Si racconta con candore e in modo diretto, asciutto, proprio come nella sua musica che restituisce immagini così nitide, potenti, viscerali. Parla del suo trascorso travaglio vitale senza risparmiarsi, senza timori né il bisogno di celare alcunché, sembra guardare (e narrare) la propria vita come da un punto di osservazione esterno, con quel distacco e quell’ironia di chi ha maturato profonde e importanti esperienze esistenziali. Empatico e spirituale, non si intimorisce neanche di fronte ad argomenti tabù come la morte e la tossicodipendenza, che racconta con estrema naturalezza e su cui è capace di ironizzare con disinvoltura. Tutto questo e molto altro fanno oggi di quest’uomo uno dei migliori artisti della scena, che si è concesso genuinamente ai nostri microfoni offrendoci uno scorcio privilegiato sul suo profondo e denso universo. Continua a leggere

Intervista a Patrizia Laquidara: A piedi nudi sul mondo

DSC_4191-2

Dopo anni di attesa sono finalmente riuscito a intervistare Patrizia Laquidara in occasione della sua performance catanese al Ma ritrovandomi, come immaginavo, davanti a una personalità complessa, sognante e introspettiva. Un’artista che mira all’essenza e all’essenziale, che sul palco si rende strumento non solo vocalmente ma con tutta la propria elegante corporeità. Un’artista legata alla Sicilia e a Catania in particolare dalle sue origini e che ogniqualvolta vi riapproda riconquista una parte inedita della propria personalità. Un’artista, last but not least, dotata di una percezione magica del reale, che non si ferma alle apparenze, capace di percepire quelle sottili sfumature di senso e profondità che spesso sfuggono allo sguardo comune. Continua a leggere

L’Eretico incontra Manuel Agnelli, Rodrigo D’Erasmo, Cesare Basile: La nostra rivoluzione è fare cultura

11026187_923204357719707_7469864320810900776_n

Un sodalizio ormai indissolubile quello tra Afterhours e Cesare Basile, nato un po’ di anni fa grazie all’incontro in Mescal e rafforzatosi nel tempo per la condivisione di percorsi, ideali e battaglie. La conferenza-incontro con Manuel Agnelli, Rodrigo D’Erasmo e Cesare Basile, tenutasi al Teatro Coppola nella mattina di giovedì 19 marzo, è stata un’occasione molto interessante per approfondire queste tematiche e scoprire un Basile e un Agnelli condividere posizioni spesso simbiotiche, talvolta dialettiche ma sempre aperte ad un confronto costruttivo e lungimirante. Continua a leggere

Intervista ai Clustersun, catanesi alla conquista dell’America

CLUSTERSUN - Foto 1

“Eccetto Uzeda, non ricordo una band catanese che, presi armi e bagagli, si catapulta negli States per un tour di nove date. No, proprio non ricordo. E allora, forse, chissà, sarebbe il caso – sempre forse – di attenzionarli un attimo”.
Parole di Giancarlo Salafia, dj e storico promotore della scena underground etnea; la band in questione sono i Clustersun, esponenti di spicco di un trend che sta attraversando da mesi il nostro Paese: il ritorno a quel sound fatto di riverberi, di eco e distorsioni, fragoroso ed al contempo onirico, passato alla storia col nome shoegaze. Continua a leggere

Intervista | Roberta Sammarelli: i Verdena e la filosofia dell’abnegazione

DSC_2554

Non mi era ancora capitato di intervistare i Verdena e il mio incontro con Roberta Sammarelli mi ha finalmente fatto comprendere alcuni dei segreti del successo della band bergamasca. Un successo che da quindici anni a questa parte, ovvero fin dagli esordi, non ha mai subito flessioni, continuando a trasmettersi da una generazione all’altra, conquistando, anche recentemente, fette di pubblico molto giovane. Uno dei segreti è sicuramente la dedizione con cui la band si dedica al proprio lavoro, anche al prezzo di vivere un semi-isolamento da tutto ciò che la circonda, in una sorta di eremitaggio creativo. Nondimeno fondamentale è stata la capacità di mantenere una coerenza nella ricerca e nel perseguimento di un proprio percorso specifico rifiutando qualunque genere di compromesso, anche a costo di apparire snob o alteri (tutto, si sa, ha un prezzo). Ma ciò che sorprende è l’estrema onestà con cui il trio si propone, senza maschere, finzioni o atteggiamenti radical di sorta, stando anzi bene attenti a tenersene alla larga. Di tutto questo ed altro ancora si è parlato insieme alla Sammarelli durante il nostro breve ma illuminante incontro. Continua a leggere