Saint Huck: il video di “Reef” diretto da Guido Celli e le ultime date di “Broken Branches” in Sicilia

E’ online da qualche settimana il videoclip di “Reef” di Saint Huck, realizzato da Guido Celli, già autore di “Hidden Words”.

Saint Huck è il moniker del cantautore e polistrumentista siciliano Livio Lombardo. Nato come chitarrista noise/alternative (ha suonato e suona con numerose band: Fräulein Alice, Gentless3, Mapuche, Before We Die, Diane and the Shell, Silent Carnival), nel 2015 pubblica il suo primo lavoro, “Broken Branches”, per l’etichetta Viceversa Records. L’album viene accolto entusiasticamente dalla critica, che ne mette in evidenza il carattere outborders e ispirato, definendo Saint Huck come un artista anarchico e appassionato, che sfugge a qualsiasi facile inquadramento per la raffinatezza della composizione. Guido Celli, videomaker di talento, poeta, musicista e produttore artistico (di Flavio Giurato, ndr) qualche tempo fa ha deciso di rendergli omaggio con una trilogia video che ne anticipa il nuovo album, previsto per il 2019. Continua a leggere

Annunci

Dogman (M. Garrone, 2018)

Dogman

Premio come miglior attore (Marcello Fonte) all’appena conclusa 71° edizione del Festival del cinema di Cannes, Dogman di Matteo Garrone è un’opera eccellente. Ambientato in un paesaggio astorico, che è un po’ la Scampia di Gomorra un po’ l’Ostia di Suburra, un po’ una campagna italiana essiccata sulla quale si innesta la bozza di una cementificazione fallita, paradigma di tanta periferia siciliana e italiana. È la creazione scenografica di un originale e intimo far west romanescofono, scandito dal rombo di una motocicletta, prodromo della prepotenza. Continua a leggere

Her (S. Jonze, 2013)

Her Joaquin Phoenix

LETTERE DALLE VOSTRE VITE

L’uomo perfetto usa la propria mente come uno
 specchio. Non afferra nulla, non rifiuta nulla.
Alan Watts-Filosofia Zen

Her è solo apparentemente un film su una storia di amore impossibile tra Theodore, ghost writer di lettere “sentimentali”, e un’Intelligenza Artificiale dal nome Samantha, racchiusa dentro l’involucro asettico di un sistema operativo di ultima generazione. Continua a leggere

Sotto lo stesso cielo. Zanne Festival 2017

20232656_1263823240410243_6148447908226243361_o

Foto: Premananda Das

«Mi piacciono tutti i suoni che sconvolgono le persone, perché sono troppo soddisfatte di sé, ed esistono suoni che le sconvolgono davvero, e ragazzi, c’è davvero bisogno di sconvolgerle e renderle meno soddisfatte, perché il nostro è un mondo terribile: forse a quel punto si daranno da fare».

Sun Ra

Fluidificati dal mite vento d’estate, la scorsa settimana abbiamo preso parte a un evento incredibile. La quarta edizione dello Zanne Festival di Catania si è protratta per tre giorni, a partire dal tramonto, nel suggestivo Castello D’Urso Somma, location imprevista per via della dislocazione dalla pineta dei Monti Rossi. Continua a leggere