L’artigiano perde tempo: intervista a Simona Norato

22
Materia artigianale, di un fabbro dell’ovest che trova il suo posto all’interno di un presepio sacro e profano di stelle. Madre di una creatura che si fa chiamare La fine del mondo. Un rituale, la bellezza di un viaggio. Simona dice che bisogna avere il coraggio di ascoltare il proprio corpo. Piantare un seme dentro di noi, con cura, farlo crescere fino a farlo sbocciare. Questione di cuore, se così si può dire. Continua a leggere

The Winstons live @ Teatro Coppola: un’onda prog vi seppellirà

IMG_8160
Forse non avevo mai assistito a un vero concerto prog, la mia epifania è stata dunque quella di domenica 24 gennaio al Teatro Coppola di Catania, momento in cui ho definitivamente realizzato quanto sia stata fortunata la generazione di mio padre, nata nei primi anni ’50 e godutasi pienamente le due decadi tra ’60 e ’70. Continua a leggere

Cesare Basile e Caminanti live: “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” @ Nuovo Cinema Palazzo (Roma)

Mi sono chiesta a lungo se e come raccontare questa storia, ché certe emozioni si raccontano male e consegnarle alle parole rischia spesso di impoverirle. Questa storia che ha già un suo cantore, uno che “allesti cunti” perché non vuole padroni e che lo fa con una forza e con un’incisività rare. Sto parlando di Cesare Basile e del suo ultimo viaggio insieme a I Caminanti, formazione eccezionale composta da Enrico Gabrielli (fiati), Rodrigo D’Erasmo (violino e mandolino elettrico), Luca Recchia (basso), Massimo Ferrarotto (batteria) e Simona Norato (tastiere e synth), per presentare il suo ultimo, meraviglioso, “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” (Urtovox). Continua a leggere

Cesare Basile e i Caminanti live @Teatro Coppola: cronaca di un successo annunciato

Seguo Cesare Basile da ormai tre lustri, da quel 2001 in cui rimasi folgorato dal disco meraviglia che fu appunto Closet meraviglia. L’ho visto suonare negli anni svariate volte, seguendone il percorso artistico e la graduale evoluzione, a partire dai set più elettrici intrisi di blues noir di sapore caviano fino alle più recenti evoluzioni in bilico tra folk e tradizione popolare ma sempre animate da un pulsante cuore di nero blues. Tra tutte le performance seguite nel tempo tuttavia quella di mercoledì 25 marzo al Teatro Coppola, prima tappa ufficiale del nuovo tour con i Caminanti, rimarrà indelebilmente marchiata nella memoria come una delle migliori se non la migliore, fino ad ora per lo meno. Data che si conclude con un bel sold out, probabilmente non previsto, una manciata di ritardatari scontenti rimasti fuori e il più totale ludibrio dei presenti. Continua a leggere