The Hateful Eight – Quentin Tarantino (2015)

12499290_10209321766708191_1782414524_o
LA MORTE DI UNA NAZIONE

È un po’ paradossale che più Quentin Tarantino tenti di alzare il tiro più la critica reagisca in direzione contraria demolendo le sue opere per una questione di stile. Dopo il successo planetario di Le Iene e Pulp Fiction, la sorpresa Jackie Brown raggelò un po’ gli animi: ma come, Tarantino si mette a fare un film teorico? Senza sangue o smembramenti di carne, senza i balli scatenati di John Travolta e Uma Thurman? Continua a leggere

Irrational Man – Woody Allen (2015)

12510926_10209030389943954_677550266_o


L’uomo ragionevole adatta se stesso al mondo, quello irragionevole insiste nel cercare di adattare il mondo a se stesso. Così il progresso dipende dagli uomini irragionevoli.

George Bernard Shaw

Tutto il cinema di Woody Allen ha sempre poggiato su una insanabile dualità tra il protagonista-alter ego e il mondo circostante inconoscibile, dominato dal caso, apparentemente senza significato. Questo contrasto era risolto nei primi film con il ricorso al comico: l’inadeguatezza dell’anti-eroe yiddish dava origine a una serie di gag, di battute, di strafalcioni, di non-sense, di imbarazzanti approcci con le donne, di conflitti con i propri familiari e con qualsiasi sistema di potere. Continua a leggere