Bella e perduta – Pietro Marcello (2015)

bella-perduta-recensione-v9-27750-1280x16
RIFIGURARE IL REALE

«Ho imparato a guardare l’Italia contemplando il suo paesaggio dai treni, riscoprendo di volta in volta la sua bellezza e la sua rovina. Spesso ho pensato di realizzare un film itinerante che attraversasse la provincia per provare a raccontare l’Italia: bella, sì, ma perduta. Anche Leopardi la descriveva come una donna che piange con la testa tra le mani per il peso della sua storia, per il male atavico di essere troppo bella.
Quando mi sono imbattuto nella Reggia di Carditello e nella favola – perché di favola si tratta – di Tommaso, “l’angelo di Carditello”, il pastore che con immensi sacrifici ha deciso di dedicare tanti anni della sua vita alla cura di un bene artistico abbandonato, ho visto una potente metafora di ciò che sentivo la necessità di raccontare: dopo la morte di Tommaso, prematura e improvvisa, Bella e perduta – nato inizialmente come un “viaggio in Italia” destinato a toccare altre tappe – è diventato un altro film, sposando fiaba e documentario, sogno e realtà.
Carditello è l’emblema della bellezza perduta e della lotta del singolo, dell’orfano che non si arrende a un meccanismo incancrenito di distruzione e disfacimento; e allo stesso tempo questa storia così radicata nella Storia del nostro Paese indaga un tema, quello del rapporto tra uomo e natura, mai così universale, a ogni latitudine». Pietro Marcello
Continua a leggere

Sangue del mio sangue – Marco Bellocchio (2015)

01-lidiya-liberman-in-sangue-del-mio-sangue-di-bellocchio

Ogni grande artista è un vampiro. Ti succhierà il sangue fino all’ultima goccia. (David Leavitt)

Il Vangelo secondo Marco Bellocchio

Ogni tanto Marco Bellocchio si prende una pausa meditativa per riflettere sul suo cinema. È l’autore che si guarda allo specchio e prova a individuare asimmetrie e imperfezioni. Continua a leggere