Venerdì 26 finale di Indie Concept con Rubber Eggs e Simona Norato

18446918_253158005152968_96930514181506084_n

Cala il sipario sulla XIII edizione dell’INDIE CONCEPT 2017, uno dei più importanti contest musicali in Sicilia. Venerdì 26 Maggio l’ultimo appuntamento sul palco della Cartiera di Catania, per premiare i vincitori decretati dalla giuria specializzata. Continua a leggere

L’artigiano perde tempo: intervista a Simona Norato

22
Materia artigianale, di un fabbro dell’ovest che trova il suo posto all’interno di un presepio sacro e profano di stelle. Madre di una creatura che si fa chiamare La fine del mondo. Un rituale, la bellezza di un viaggio. Simona dice che bisogna avere il coraggio di ascoltare il proprio corpo. Piantare un seme dentro di noi, con cura, farlo crescere fino a farlo sbocciare. Questione di cuore, se così si può dire. Continua a leggere

Cesare Basile e Caminanti live: “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” @ Nuovo Cinema Palazzo (Roma)

Mi sono chiesta a lungo se e come raccontare questa storia, ché certe emozioni si raccontano male e consegnarle alle parole rischia spesso di impoverirle. Questa storia che ha già un suo cantore, uno che “allesti cunti” perché non vuole padroni e che lo fa con una forza e con un’incisività rare. Sto parlando di Cesare Basile e del suo ultimo viaggio insieme a I Caminanti, formazione eccezionale composta da Enrico Gabrielli (fiati), Rodrigo D’Erasmo (violino e mandolino elettrico), Luca Recchia (basso), Massimo Ferrarotto (batteria) e Simona Norato (tastiere e synth), per presentare il suo ultimo, meraviglioso, “Tu prenditi l’amore che vuoi e non chiederlo più” (Urtovox). Continua a leggere

Cesare Basile: Io mi sono sognato fuoco pure – Tributo a Danilo Dolci

img_1500

È stato Danilo Dolci a riportarmi in Sicilia. Un uomo venuto dalla provincia di Trieste fino alle sperdute campagne di Partinico ha parlato ai ricordi di un giovane punk arrabbiato e al rabbioso disgusto di un adulto cantautore. Dolci mi ha riportato a casa per stradine e sterrati mostrandomi con parole raccolte settant’anni fa quanto ancora c’è da raccontare e quanto queste storie ancora da raccontare siano frutto della stessa miseria di un tempo”. È con queste parole che Cesare Basile evidenzia il filo rosso che lo lega al poeta, sociologo, educatore e attivista politico triestino d’adozione palermitana. Una figura emblematica e rivoluzionaria, instancabile nel contrastare fino alla fine ogni forma di iniquità sociale, abuso di potere, vessazione mafiosa, attenendosi però costantemente e rigorosamente ad un gandhiano principio di nonviolenza. Continua a leggere